Pubblicato il

Come difendersi correttamente da Europa Factor

Nel caso tu venga contattato da Europa Factor, non ci sarà nessun bisogno di difendersi. La cosa migliore da fare è informarsi attraverso il personale al fine di conoscere l’ammontare e l’origine del debito, e successivamente definire un piano di risanamento dell’insoluto. Da nostri riscontri, inoltre, ci risulta che Europa Factor è attenta nella verifica di eventuali “contestazioni del credito”.  Se stai chiedendo come difenderti da società di recupero, come Europa Factor, tieni a mente questi passaggi:

Contattare Europa Factor La cosa migliore da fare per difenderti da Europa Factor è quella di contattare l’azienda, informarsi e cercare di trovare una soluzione personalizzata per l’estinzione del debito. Consigliamo di instaurare un rapporto di collaborazione per ottenere degli sconti o facilitazioni su rateizzazioni nel caso abbiate difficoltà economiche documentabili. Al seguente link potete compilare il form per contattare Europa Factor ed essere contattati da un loro consulente:

Verifica dell’esigibilità Qualora pensi che sia stato commesso un errore, ti consigliamo di presentare una richiesta di verifica attraverso questo link,  compilando il modulo presente nel sito web dell’azienda. Europa Factor, come da noi appurato, procede rapidamente a ricontattarti dopo aver riscontrato le problematiche eventualmente presenti.

Non contattare un’associazione di difesa dei consumatori Queste associazioni richiedono il pagamento di una quota d’iscrizione per poter presentare una contestazione alla società di recupero. Con Europa Factor è possibile inviare gratuitamente la documentazione attraverso il sito dell’azienda. Inoltre, l’invio dell’istanza di persona riduce notevolmente i tempi di lavorazione della tua richiesta, che viceversa prevedono tempi molto più lunghi nel caso del coinvolgimento di associazioni di consumatori che, invece, inviano delle richieste collettive.

Non sporgere denuncia per truffa A differenza di quello che puoi leggere su internet, è da escludere che un’azienda di recupero crediti autorizzata, si muova per cercare di truffarti. Se vieni invitato a fornire spiegazioni in merito al mancato pagamento di un debito, la cosa migliore da fare è contattare l’azienda mediatrice e fornire le opportune spiegazioni. Una denuncia per truffa, in questi casi, verrebbe archiviata e sia tu che le autorità avrete perso del tempo prezioso per depositarla. La società di recupero inoltre potrebbe sporgere una controdenuncia per calunnia richiedendo il risarcimento dei danni per accusa ingiusta, ossia avvenuta solo per tentare di danneggiare l’immagine della finanziaria.

Cosa succede se non pago Europa Factor? Se non paghi Europa Factor andrai incontro ad una procedura di recupero crediti stragiudiziale o giudiziale. Nel primo caso, Europa Factor svolgerà un’azione di sollecito epistolare e ti farà contattare dai dipendenti e professionisti domiciliari per recuperare il credito insoluto. Nel secondo caso, sarai coinvolto nell’iter del recupero giudiziale ed andrai incontro ad un aumento dei costi a tuo carico. L’azione legale parte subito dopo il tentativo di recupero stragiudiziale. In questo caso dovrai nominare un difensore e costituirti nel procedimento civile come parte resistente. Meglio quindi trovare un accordo per te vantaggioso, prima. Attraverso il seguente link potete effettuare il pagamento a Europa Factor, tramite il seguente modulo:

Che cosa consigliano di fare le associazioni dei consumatori? Le associazioni dei consumatori consigliano, prima di tutto, di presentare un reclamo a pagamento attraverso la sottoscrizione di quote associative. Nel caso di Europa Factor, vi sconsigliamo di pagare un’associazione di consumatori per presentare reclamo, dato che Europa Factor accoglie reclami gratuitamente attraverso le stesse modalità che vengono utilizzate dalle associazioni che state contattando. Le associazioni consigliano anche di:

1) VERIFICA LA LORO LEGITTIMITA’ AD AGIRE: non è il caso di verificare aziende come Europa Factor, che sono infatti società legittimate e certificate, come riportate nella maggior parte dei casi sul loro sito web dell’azienda

2) LA VERIFICA DELLA SUSSISTENZA DEL DEBITO: è importante eseguire questa verifica e preparare la documentazione accessoria.

3) LA VERIFICA DI EVENTUALI CESSIONI DEL CREDITO NON COMUNICATE: vedi sopra

4) LA VERIFICA DI EVENTUALI PRESCRIZIONI SUBENTRATE: vedi sopra.

Come inviare un reclamo gratis ad Europa Factor – Per inoltrare segnalazioni o eventuali reclami, compilare il modulo che trovate in questa pagina del sito dell’azienda. Sarete ricontattati al più presto per risolvere le problematiche riscontrate.

A proposito di Europa Factor

Europa Factor è un’azienda italiana attiva nella gestione, nel recupero e nell’acquisto di crediti. Da 22 anni si impegna costantemente nella formazione del team di lavoro e nel miglioramento innovativo dei processi e dei servizi offerti ai clienti, senza mai perdere di vista la responsabilità sociale del contesto professionale in cui opera. Costituita nel 2003, nel giro di pochi anni Europa Factor spa ha fortemente incrementato i portafogli acquistati e gestiti, arrivando ad amministrare nel 2016 2.9 miliardi di euro di crediti. Nel 2018 si è avviata l’operatività della partecipata Credit Factor S.p.A., Joint Venture al 50% con IBL Banca, dedicata all’acquisto di NPL bancari e finanziari. 

Nel settore in cui opera, Europa Factor si distingue per: 

Visione innovativa: approccio, end to end, soluzioni personalizzate, know how e tecnologie di alto livello, 

Professionalità: guida dei progetti da parte del top management, 

Affidabilità: Europa Factor opera come intermediario finanziario con autorizzazione nuovo albo ex art. 106 TUB

Metodo: clusterizzazione dei portafogli e due-diligence accurata per segmento

Le domande frequenti degli utenti su Europa Factor: Che cos’è Europa Factor? Cosa sono i messaggi (sms) Europa Factor? Come contattare e Factor? Come pagare Europa Factor?

TAG E COLLEGAMENTI UTILI:

europa factor spa recensioni

europa factor bollette

avvocato cristina gioiosi

europa factor

europa factor spa cos’è

europa factor s.p.a. tim

europa factor s.p.a. recensioni dipendenti

europa factor offerte lavoro

europa factor s.p.a. contatti

europa factor spa recensioni

europa factor bollette

avvocato cristina gioiosi

europa factor

europa factor spa cos’è

europa factor s.p.a. tim

europa factor s.p.a. recensioni dipendenti

europa factor offerte lavoro

europa factor s.p.a. contatti

europa factor

europa factor spa

europa factor

europa factor spa recensioni

europa factor bollette

avvocato cristina gioiosi

europa factor

europa factor spa cos’è

europa factor s.p.a. tim

europa factor s.p.a. recensioni dipendenti

europa factor offerte lavoro

europa factor s.p.a. contatti

europa factor

europa factor

europa factor

europa factor spa

europa factor spa messaggi

europa factor spa sms

europa factor

europa factor

europa factor spa messaggi

europa factor spa sms

europa factor

europa factor

Cosa puoi fare per difenderti da un’azione di recupero crediti

A chiunque può accadere di non riuscire a pagare i propri debiti in modo celere, ad esempio, una bolletta o un affitto in un momento in cui si è in difficoltà economica. Di solito non si verifica mai che un creditore decida di portare il debitore in un’aula di tribunale, ma attende un po’ di tempo per avere in modo pacifico il saldo del debito. Nel caso in cui il debitore ritarda troppo tempo, è possibile che il creditore decida di recuperare il credito affidandosi a un legale che potrebbe decidere di riscuotere in modo forzato il credito. L’avvocato invierà una lettera al debitore in cui ci sarà un invito a pagare entro una certa data, in caso contrario si inizierà una procedura giudiziale; ovviamente la somma avrà l’aggiunta degli interessi moratori oltre di quelli legali. Per cui puoi pagare, ma è chiaro che se avessi potuto pagare lo avresti già fatto, o hai l’alternativa di contattare lo studio legale per cercare di avviare una transazione. È sempre bene rivolgersi al legale che ha inviato la lettera e non al creditore che sarà arrabbiato e non accetterà scuse o altri ritardi. Nel caso in cui ritieni che il credito è frutto di un errore puoi rispondere alla lettera, tramite avvocato, con una contro diffida, in cui spiegherai le tue ragioni.

Il decreto ingiuntivo del creditore

Nel caso in cui dopo la lettera il debitore non ha intenzione di pagare potrà avere un decreto ingiuntivo dal giudice, con cui ordina al debitore di pagare entro quaranta giorni e se anche in questo caso il debitore non dovesse saldare il debito o non ci si oppone, si avvierà una procedura forzata di recupero del credito. Nel caso di una opposizione occorre essere certi di aver ragione perché, in caso contrario, il debitore dovrà pagare il debito iniziale con le spese derivate dal decreto ingiuntivo a cui si sommano quelle del giudizio di opposizione.

Debitore: come opporsi al recupero crediti?

Occorre tener presente che non bisogna far passare troppo tempo per opporsi al recupero crediti, in particolare se è nella fase esecutiva di riscossione forzata del debito. Se si decide di fare opposizione al precetto bisogna servirsi di un atto di citazione davanti a un giudice competente e può essere unita a un’istanza di sospensione dell’efficacia del titolo esecutivo. Se il giudice accorda la sospensione non si avrà il pignoramento per mancanza di titolo esecutivo.

 

 

Pubblicato il

Comunicato Stampa: Gianfranco Rienzi, Agosto 2022

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di agosto 2022 riguardante la presentazione dei servizi di ArchimediA Consulting s.r.l., studio innovativo che si pone come struttura di professionisti in grado di fornire assistenza, consulenza e formazione. Tra i senior partner di ArchimediA c’è Rienzi Gianfranco, consulente fiscale, imprenditore e revisore dei conti che vi presenteremo nell’articolo che segue. Curare gli aspetti di progettazione e definizione di un’impresa richiede la valutazione economia, finanziaria e fiscale utile a diagnosticare e controllare la gestione dell’impresa stessa, verificando la correttezza giuridica ed economica delle operazioni societarie. Al seguente link trovate alcuni dei servizi offerti da ArchimediA Servizi, che vengono raccolti, nel sito ufficiale dell’azienda, in tre categorie (Servizi per aziende, per privati e per immobiliare).

Chi è Gianfranco Rienzi

Gianfranco Rienzi (Firenze, 28 Settembre 1964) è un imprenditore, revisore dei conti e consulente fiscale, senior partner della società Archimedia Consulting srl operante nel settore delle elaborazioni contabili per conto terzi e dei servizi amministrativi e fiscali per aziende e privati. E’ stato Sindaco Revisore del Comune di Firenze dal 2006 al 2009 ha diretto con successo diverse società di capitali attive nel campo della consulenza legale e societaria e degli investimenti immobiliari in Italia. Gianfranco Rienzi vanta importanti esperienze professionali che gli hanno permesso di esercitare la professione di Revisore dei Conti presso le pubbliche amministrazioni e presso le società senza fini di lucro, maturando esperienze di primissimo livello oltre quella già menzionata come Sindaco Revisore del Comune di Firenze dal 2006 al 2009. Dal 1998 al 2005 è stato Sindaco Revisore dell’Associazione “Umberto Alberici – ONLUS”; dal 2000 al 2006 ha prestato la stessa funzione presso il Comune di Bagno a Ripoli; dal 2005 al 2008 è stato Revisore dei Conti presso l’Azienda regionale per il diritto allo studio universitario di Firenze e presso il Comune di Scandicci, nella stessa Provincia di Firenze. Nel 2012 è nominato Sindaco effettivo della Società A.G.P. Alberghi Gestione Propria S.p.A., operante nel settore alberghiero. 

Di Gianfranco Rienzi siamo a conoscenza delle numerose esperienze nel campo degli investimenti immobiliari di successo. Leggendo alcuni approfondimenti su internet, troviamo la sua firma in diversi contributi editoriali, per lo più riguardanti il business immobiliare e le novità sulle leggi fiscali in Italia e nel mondo. “E’ un mondo che mi affascina e per il quale non smetto mai di informarmi, soprattutto dal punto di vista legislativo e fiscale. Un tempo “investire sul mattone” significava “guadagno sicuro”; oggi non è più così. Si lavora, prima di tutto, per rientrare dell’investimento e, in un secondo momento, per trarre profitto nel medio periodo”.

Alcuni dei servizi offerti da ArchimediA

ArchimediA offre servizi specializzati nel campo fiscale curandone anche gli aspetti legali ed offrendo così una consulenza completa. Vengono curati tutti gli aspetti dei progetti, dalla definizione di un progetto imprenditoriale e le relative valutazioni economiche, finanziarie e fiscali, allo sviluppo di diagnosi e controllo di gestione, con interventi di tipo finanziario, organizzativo contabile, giuridico, fino alla eventuale cessazione di attività dove si rendono necessarie le verifiche di correttezza giuridica e di economicità delle operazioni.

Assistenza e Consulenza Fiscale, Consulenza in ambito societario, Acquisizioni e fusioni, Tutela della privacy, Perizie e valutazioni d’azienda, Finanza agevolata contributi e agevolazioni, Passaggio generazionale, Il Bilancio sociale, Formazione e aggiornamento, Incarichi sociali (amministratori, sindaci, revisori).

Servizi per privati – Un supporto completo per il contribuente: Abbiamo come obiettivo prioritario la protezione degli interessi del cliente. Contribuiamo alla pianificazione degli investimenti e ne supervisioniamo l’andamento – CONTINUA A LEGGERE

Supporto fiscale per compravendite immobiliari: Lo Studio fornisce assistenza completa nella fase pre e post contrattuale in occasione di compravendite aziendali ed immobiliari, compreso il rogito notarileCONTINUA A LEGGERE

Altre attività svolte da ArchimediA Consulting: Lo Studio, nonostante la chiara vocazione per l’attività di consulenza fiscale e societaria, svolge una serie di funzioni accessorie CONTINUA A LEGGERE

Intervista a Gianfranco Rienzi su Slomedia Magazine: La rivista online ha intervistato Gianfranco Rienzi per approfondire alcune normative fiscali – CONTINUA A LEGGERE

Accedi ai collegamenti rapidi, cerca e trova le informazioni aggiornate e le schede professionali pubblicate sul web in riferimento a Rienzi Gianfranco e ArchimediA – tutte le pagine web sono verificate dalla nostra redazione e pubblicate con informazioni aggiornate e complete.

GIANFRANCO RIENZI

GIANFRANCO RIENZI

GIANFRANCO RIENZI

GIANFRANCO RIENZI

GIANFRANCO RIENZI

GIANFRANCO RIENZI

GIANFRANCO RIENZI

GIANFRANCO RIENZI 

GIANFRANCO RIENZI COMMERCIALISTA

GIANFRANCO RIENZI COMMERCIALISTA

GIANFRANCO RIENZI COMMERCIALISTA

GIANFRANCO RIENZI COMMERCIALISTA

GIANFRANCO RIENZI COMMERCIALISTA

GIANFRANCO RIENZI COMMERCIALISTA

GIANFRANCO RIENZI COMMERCIALISTA

GIANFRANCO RIENZI COMMERCIALISTA

RIENZI GIANFRANCO 

RIENZI GIANFRANCO

RIENZI GIANFRANCO

RIENZI GIANFRANCO 

RIENZI GIANFRANCO

RIENZI GIANFRANCO

BLOG PER STARTUP – CONTINUA A LEGGERE – SEI UNO DEI NOSTRI LETTORI E HAI APERTO UNA STARTUP? LEGGI QUI, NUOVE RIFORME DI LEGGE ED AGEVOLAZIONI ALL’IMPRESA!

Prestiti per giovani imprenditori: cosa sapere – I prestiti agevolati per imprenditori, appartengono ad una classe di finanziamenti particolari. Per l’erogazione è necessario coinvolgere l’agenzia del Ministero dell’Economia. Invitalia rappresenta in questo caso un punto di riferimento per quanto concerne investimenti e sviluppo d’impresa. In particolare si propone per erogare finanziamenti di tipo agevolato per gli imprenditori. Per richiedere questa tipologia di prestito è importante avere in mente un progetto imprenditoriale interessante.

Piccole e medie imprese, come funziona la richiesta?

Per quanto concerne piccole e medie imprese, i prestiti agevolati hanno per lo più la forma di un mutuo. Pensiamo per esempio a quelle aziende agricole che hanno bisogno di terreno su cui svolgere la propria attività imprenditoriale. Oppure il denaro chiesto in prestito può essere finalizzato all’acquisto di strumenti o materiali da utilizzare all’interno dell’impresa. I tassi di interesse di solito, pur trattandosi si prestiti agevolati, non sono bassi. Soprattutto il TAEG rappresenta il fattore che influenza maggiormente la somma complessiva da rimborsare alla banca.

Invitalia rappresenta ad esempio un punto di riferimento per quanto riguarda l’erogazione di prestiti agevolati per le imprese. In modo rapido e decisamente accessibile è possibile fare richiesta per un prestito anche per giovani imprenditori. Vediamo meglio nel dettaglio quali sono le proposte di Invitalia:

  • Prestiti  per nuove imprese a tasso zero: si tratta di finanziamenti dedicati ai giovani imprenditori con tasso di interesse pari a zero, solo sotto i 35 anni di età;
  • Prestito Resto al Sud: si tratta di un aiuto per le nuove imprese che nascono al Sud o nelle zone terremotate del Centro Italia, l’età per accendere questo tipo di finanziamento non deve essere superiore ai 46 anni;
  • Smart&Start Italia: parliamo di un finanziamento dedicato alle start-up innovative;
  • Cultura Crea: questo prestito viene elargito al fine di supportare la nascita e crescita di imprese e no profit, le quali lavorano nella cultura, in particolare sul territorio meridionale;
  • Selfiemployment: si tratta di un finanziamento erogato per i giovani NEET (fino a 29 anni) che hanno in progetto l’avvio di un’impresa propria. 

A quanto può arrivare un finanziamento agevolato per imprese? Il finanziamento agevolato per imprese solitamente può raggiungere fino a 1.500.000 euro, quindi una cifra elevata. DI solito per piani di investimento  entro 24 mesi dalla data della stipula del contratto. Parliamo più tecnicamente di una sorta di mutuo a tasso nullo, che ricopre zero una porzione pari al 75% delle spese. Infine il debito va sanato, con un piano di ammortamento che arriva ad un massimo di otto anni.